Sequestrate 400 mascherine per bambini dalla Guardia di finanza di Aosta

Continuano i controlli delle Fiamme gialle sulla regolarità dei dispositivi in vendita

 

mascherine sequestrate

AOSTA. Durante alcuni controlli sulle mascherine in vendita nelle attività commerciali della Valle d'Aosta, la Guardia di finanza ha sequestrato dei dispositivi destinati ai bambini che non rispettavano il codice del consumo.

Le mascherine - 390 in tutto - non riportavano le indicazioni minime di sicurezza come il marchio, il nome e la sede del produttore o dell'importatore stabilito nell'Unione Europea.

Già durante la fase acuta dell'emergenza coronavirus le fiamme gialle avevano prestato particolare attenzione ai venditori di mascherine chirurgiche arrivando a contestare, tra marzo e giugno, 30 violazioni al codice del consumo con contestuale sequestro di oltre 25.000 mascherine, per un valore complessivo di oltre 100.000 Euro.

Anche in questo periodo "rimane alta l'attenzione da parte dei finanzieri in relazione a possibili fenomeni di commercializzazione illecita di tale prodotto - riferisce il Comando territoriale della Gdf -, circostanza maggiormente allarmante alla luce della drastica riduzione dell’età media dei contagiati e del potenziale rischio insito nella fruizione dipresidi sanitari assemblati con tessuti privi di una reale capacità filtrantein grado di tutelare l’incolumità di chi li indossa".



E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it