.

Corruzione in Valle d'Aosta, il 16 febbraio inizia il processo d'appello

 

Tribunale di TorinoAOSTA. Inizierà la prossima settimana il processo di secondo grado a Torino su un presunto giro di corruzione in Valle d'Aosta che riguarda l'uso di capannoni dell'autoporto, le forniture alla gara 4K di endurance trail e l'affidamento di lavori al Forte di Bard. L'udienza davanti ai giudici della Corte d'Appello è fissata per il 16 febbraio.

Tra gli imputati Augusto Rollandin, condannato in primo grado a quattro anni e sei mesi e per questo sospeso per 18 mesi dalla carica di consigliere regionale (sospensione terminata lo scorso novembre). Insieme all'ex presidente della Regione sono imputati l'imprenditore Gerardo Cuomo e l'ex amministratore delegato del Forte di Bard Gabriele Accornero.

Secondo le accuse nel 2013 l'allora presidente della Regione Rollandin si sarebbe impegnato per far trasferire Deval da un capannone dell'Autoporto e far occupare quegli spazi al Caseificio Valdostano di Cuomo ricevendo in cambio sostegno elettorale e un cambio di pneumatici. Cuomo e Accornero sono sotto accusa per l'affidamento all'imprenditore di alcune forniture per la gara di endurance trail 4K, di cui Accornero era direttore. Altre accuse per turbata libertà di scelta del contraente riguardano l'affidamento di lavori al Forte di Bard.

Nel processo sono coinvolti anche il libero professionista aostano Simone D'Anello, l'artigiano Salvatore D'Anello e l'imprenditore Davide Bochet.

 

 

Marco Camilli

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it