.

Frode nell'appalto piscine, assolti in Appello tutti gli imputati

Riformata la sentenza di primo grado del Tribunale di Aosta

 

Assolti perché "il fatto non sussiste". La Corte di Appello di Torino ha ribaltato oggi la sentenza di primo grado e prosciolto gli imputati del processo sulla frode nelle forniture pubbliche riferito all'organizzazione di corsi nelle tre piscine regionali di Aosta, Pré-Saint-Didier e Verrès. Ne dà notizia l'avvocato Laura Marozzo, legale di una imputata.

Le accuse coinvolgono due rappresentanti della società Regisport, Gianluca Fea (che è anche dirigente regionale) e Nicola Abbrescia, e due rappresentanti di altrettanti associazione sportive dilettantistiche che si occupavano di organizzare le lezioni negli impianti di proprietà della Regione, Pamela Sorbara della Aosta Nuoto (rappresentata dall'avvocato Marozzo) e Maurizio Fea della Natatio Omnibus. In primo grado ad Aosta erano stati tutti condannati.

Secondo l'accusa i corsi organizzati non rispettavano le indicazioni del contratto regionale poiché duravano di meno e costavano di più.

La Regione si era costituita parte civile.

 

 

Marco Camilli

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it