Pagano Bmw con assegno falso, due denunciati dai carabinieri di Verrès

 

Truffata una donna di Champdepraz

 

AOSTA. Generalmente le truffe su inserzioni on line si svolgono sempre allo stesso modo: qualcuno pubblica un annuncio di vendita e l'interessato acquista la merce ma poi non la riceve. Alcune volte capita invece che ad essere raggirato sia il venditore e non il compratore.

Lo sa bene una valdostana di Champdepraz che ha messo in vendita una Bmw ed è stata pagata con un assegno falso. Due uomini, entrambi pluripregiudicati, sono stati per questo denunciato dai carabinieri di Verrès: Gheorghe A.B., romeno di 34 anni residente a Torino, e Camillo M., foggiano di 39 anni residente a San Clemente (RN).

L'auto era del marito e alla morte di quest'ultimo la donna, nata nel 1947, ha deciso di venderla. Probabilmente aiutata dai nipoti ha pubblicato un'inserzione online su un sito specializzato nella vendita di veicoli al prezzo di 13.000 Euro. Quanto accaduto dopo è raccontato dai carabinieri: i due denunciati hanno contattato la signora dicendole che volevano acquistare l'auto per rivenderla in Romania e quindi che avrebbe dovuto fare la procedura di "demolizione" e versamento targhe per cancellare l'auto dai registri italiani e non pagare più il passaggio di proprietà. Si sono poi sono presentati dalla donna con un assegno della cifra pattuita e una finta targa PROVA da mettere alla BMW per portarla via. Arrivata in banca, l'amara scoperta: l'assegno era totalmente falso. I militari hanno avviato le indagini dopo aver ricevuto la denuncia e sono risaliti all'identità dei due visionando i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it