Carabinieri smantellano giro di cocaina a Breuil Cervinia: 7 denunce

 

Perno delle indagini un barista di Valtournenche - Segnalati 21 tossicodipendenti tra cui maestri di sci e una guida alpina

Breuil-centroVALTOURNENCHE. E' di sette denunce e 21 segnalazioni il bilancio di un'operazione condotta dai carabinieri di Breuil Cervinia contro lo spaccio di droga. Le indagini sono state "complesse e articolate" e sono partite lo scorso novembre quando S.E., noto barista di 46 anni di Valtournenche, è stato fermato con 7 grammi di cocaina già suddivisa in dosi e denaro contante. L'uomo soprattutto aveva un taccuino su cui erano riportati nomi di tossicopidendenti, dosi di stupefacente e corrispettivo in denaro.

Le indagini si sono così focalizzate sui contatti che S.E., ritenuto "il maggiore spacciatore locale" spiegano i militari, aveva avuto nelle ultime stagioni invernali, tra il 2011 ed il 2014. Dopo mesi di accertamenti ed oltre 100 persone interrogate i militari hanno appurato un volume di spaccio pari a circa 760 gr. di cocaina per un valore di 76.000 Euro.

"Nel contesto della medesima indagine - riferiscono ancora i carabinieri - è emerso anche M.G., tossicodipendente, che in alcune occasioni aveva acquistato la cocaina da S.E, per poi spacciarla a sua volta a terzi".

Lunedì scorso quindi i carabinieri hanno denunciato a piede libero, oltre ad S.E., anche M.G, italiano, 37enne di Valtournenche, barista, entrambi per spaccio di cocaina e P.M., 47enne originario del canavese, barista, pregiudicato; A.T., tunisino, 47enne di Torino, autista, pregiudicato; F.A., 40enne di Ivrea (TO), barista, pregiudicato; G.I., 37enne di Valtournenche (AO), imprenditore, pregiudicato; P.L., 61enne di Torino, disoccupato, pregiudicato, tutti per favoreggiamento personale. In particolare, spiegano sempre i carabinieri, "P.M., A.T., F.A., G.I. e P.L. sono comparsi per aver collaborato nell’attività di spaccio di S.E. ed in alcune occasioni per aver semplicemente da lui acquistato stupefacenti; sono stati però tutti deferiti per favoreggiamento personale per aver reso mendaci dichiarazioni ai Carabinieri tentando così, invano, di ostacolare le indagini".

Infine sono stati segnalati all'autorità prefettizia 21 tossicodipendenti, acquirenti abituali di S.E., tutti maggiorenni, tra cui sono presenti alcuni maestri di sci, una guida alpina ed un imprenditore locale.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it