Terremoto, unità cinofile della Valle d'Aosta alla ricerca dei dispersi nella zona di Amatrice

 

Si cercano 7 persone che erano in un edificio crollato. Il bilancio dei morti intanto sale a 247 - FOTO

AOSTA. Mentre continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime del terremoto che ieri ha scosso il centro dell'Italia (247 è l'ultimo bilancio, ancora non definitivo), il lavoro dei soccorritori non si ferma.

Tra le centinaia di volontari, vigili, uomini della protezione civile e delle forze dell'ordine impegnate da ieri notte a scavare tra i detriti per trovare i dispersi ci sono anche alcune unità cinofile partite dalla Valle d'Aosta verso la zona di Amatrice (Rieti), uno dei paesi più colpiti.

Il compito delle unità cinofile è proprio quello di aiutare a individuare le persone rimaste sepolte sotto le macerie degli edifici crollati. In particolare, spiegano i vigili del fuoco, dalle prime ore di ieri pomeriggio i soccorritori valdostani stanno cercando ininterrottamente sette persone che si trovavano in un edificio ecclesiastico che è crollato al momento della scossa.

{lightgallery type=local path=images/gallerie/2016/terremoto-centroitaliavvf25ago16 previewWidth=120}Vigili del Fuoco{/lightgallery}

 

Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it