Brissogne, il consiglio comunale approva il bilancio

Pin It

Consiglio comunaleBRISSOGNE. Il consiglio comunale di Brissogne ha approvato con l'astensione della minoranza il bilancio di previsione del triennio 2020/2022, l'ultimo dell'attuale consiliatura guidata dal sindaco Bruno Menabreaz.

Buone notizie sul fronte delle entrate: l'allacciamento alla rete dell'acquedotto della casa circondariale ha incrementato il denaro in entrata che sarà reinvestito sul servizio idrico (in particolare la fognatura Grand Fauve - Prarayer). Il Comune intende inoltre concludere la vendita delle quote della Società Autoporto alla Regione, incamerando così 375mila euro.

Quanto agli altri investimenti, è previsto il completamento della sistemazione dell'area verde e di gioco di Neyran e la realizzazione di parcheggi a servizio delle frazioni Le Moulin e Chesalet. Nei programmi dell'Amministrazione c'è anche la valorizzazione della torre medievale e della chiesa parrocchiale, ma il progetto dipenderà dall'accesso al bando del Gal per ottenere il finanziamento necessario. Infine il Comune ha deciso di non introitare gli utili della società idroelettrica Laures (della quale detiene il 70%) allo scopo di ammortizzare l'investimento nel minor tempo possibile.

Nel presentare un bilancio della sua Amministrazione, il sindaco Menabreaz e l'assessore alle finanze Italo Cerise hanno riferito della chiusura di tutti i debiti pregressi a carico del Comune. 

Infine, tornando alle frazioni del territorio, il primo cittadino ha ricordato che il 17 gennaio saranno aperte le offerte delle imprese che hanno partecipato all'appalto per costruire i piazzali per i villaggi di Fasoulaz e Pacou e per l'allargamento della strada di Neyran.

 

 

 

redazione

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it