Riapre la pista ciclopedonale VéloDoire. Per accedere serve l'assicurazione

L'Unité Mont Emilius ha approvato un nuovo regolamento per prevenire richieste di risarcimento

 

Pista ciclabileQUART. Da lunedì 4 maggio riapre la pista ciclo-pedonale VéloDoire che costeggia la Dora Baltea attraversando i comuni dell'Unité Mont Emilius. Per l'occasione i sindaci dei dieci comuni hanno votato un nuovo regolamento che il presidente Michel Martinet descrive come "una serie di regole di buon senso per la sicurezza di sé e degli altri e anche un modo di tutelare gli amministratori da richieste risarcitorie per lo più immotivate ma origine di lunghe trafile giudiziarie".

Il nuovo regolamento impone che gli utenti siano assicurati per responsabilità civile verso terzi. Inoltre i frequentatori devono verificare le condizioni del tracciato per poterlo percorrere con le cautele necessarie in quanto "l'avvenuto avvio della percorrenza del tracciato presume in ciascun utente la conoscenza e la accettazione delle condizioni materiali in cui si trova".

In una nota di precisazione sulla richiesta di assicurazione, l'Unité precisa che "in quanto regola di comportamento, la sua inosservanza non può condurre a sanzioni pecuniarie né a inibitorie all'accesso o alla circolazione".

Essendo un percorso promiscuo, per pedoni e biciclette, i pedoni hanno la precedenza e bisogna rispettare la velocità massima di 20 km/h. Infine per i ciclisti e per coloro che utilizzano pattini, monopattini e skate il regolamento richiede tra le altre cose di "programmare le uscite in funzione delle proprie condizioni fisiche e capacità", di "trovarsi in buone condizioni di salute psicofisica" e di "possedere sufficienti basi tecniche per la guida del mezzo" oltre che indossare un casco omologato.

 

E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it