Riduzione trasferimenti ai Comuni, dimissioni del Comitato esecutivo del Cpel

'Sdegno' degli enti locali per la decisione del Consiglio Valle

 

Franco ManesAOSTA. Il Consiglio permanente degli enti locali - Cpel - reagisce con le dimissioni alla decisione del Consiglio regionale di ridurre i trasferimenti inseriti in origine nel disegno di legge 60 in corso di approvazione inserendo anche un vincolo di destinazione.

Nel pomeriggio sono arrivate le dimissioni del Comitato esecutivo con il presidente Franco Manes e i colleghi Riccardo Piero Bieller, Speranza Girod, Giulio Grosjacques ed Enrica Zublena.

Proprio Manes parla di "insulto alla capacità amministrativa dei Comuni, perché è mancato il riconoscimento della centralità degli enti locali del Sistema Valle d'Aosta". Il presidente del Consorzio esprime "sdegno e profonda amarezza" e aggiunge: "la dialettica politica ha un significato quando si discute per trovare una soluzione, ma qui siamo oltre qualsiasi logica di buonsenso”.

Aspettando l'assemblea straordinaria convocata a Pollein il prossimo 7 luglio, Manes spiega che la decisione presa dall'assemblea valdostana è "gravemente penalizzante per la ripresa dell'economia locale". In più l'inserimento di un vincolo di destinazione: "investimenti solo per l’emergenza sanitaria e sociale e per l’edilizia scolastica, tematiche queste prettamente di prevalente competenza regionale. Appare evidente che quanto concordato dal Cpel con il Governo regionale ed evidenziato dai Sindaci nelle audizioni in II e V commissione consiliare sia stato completamente disatteso".

Ora gli enti locali della Valle d'Aosta rivolgono "un forte appello alle rappresentanze socio-economiche di categoria" affinché "possano sostenerci in questo momento di crisi della Valle d’Aosta".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it