.

Proroga commissariamento di Saint-Pierre, Lavevaz: massima collaborazione

Il presidente della Regione sulla proroga del commissariamento del Comune valdostano sciolto per mafia

 

Municipio di Saint-Pierre

Nei giorni scorsi il Consiglio dei ministri ha prorogato di sei mesi il commissariamento del Comune di Saint-Pierre, il primo della Valle d'Aosta sciolto per infiltrazioni mafiose.

Alla riunione del Cdm ha partecipato anche il presidente della Regione, Erik Lavevaz, che è intervenuto sull'argomento questa mattina durante l'apertura dei lavori del Consiglio regionale della Valle d'Aosta. La proroga di sei mesi, ha detto, è stata decisa «per permettere di completare il lavoro svolto in questi mesi» dai commissari straordinari prima di riconsegnare il paese ad una amministrazione eletta dai cittadini.

Al Consiglio dei ministri «ho garantito la massima cooperazione per affiancare i commissari nella convocazione dei comizi elettorali», ha aggiunto il presidente della Regione.

Saint-Pierre è commissariato da febbraio 2020 in seguito all'inchiesta Geenna sulla presenza della 'ndrangheta in Valle d'Aosta. L'ex assessora comunale Monica Carcea è stata condannata dal tribunale di Aosta in primo grado insieme agli altri coimputati. Per lei l'accusa era di concorso esterno in associazione mafiosa. Il processo di Appello è in corso e la sentenza è attesa il 19 luglio.

 

 

E.G.

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it