Cogne, "lo Stato mortifica la nostra autonomia"

Lo sfogo del sindaco Allera sull'extragettito Imu: "l'indignazione è totale"

 

COGNE. "E' impossibile che i nuovi dati comunicati dal Ministero siano coerenti con la nostra realtà". Il sindaco di Cogne Franco Allera torna sull'argomento extragettito Imu, fonte di preoccupazione per i Comuni valdostani alla luce delle cifre comunicate dal dicastero dell'economia e delle finanze per il 2014.

allera-francoAl paese guidato da Allera il Mef ha chiesto 607 mila Euro a fronte di una stima degli uffici comunali di 434 mila euro. "La differenza, pari a 173 mila euro, è enorme e assolutamente incomprensibile. I conti non tornano!" accusa Allera.

Recentemente, fa notare il primo cittadino, proprio al servizio tributi di Cogne il Sottosegretario per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha assegnato un riconoscimento quale esempio di "buona pratica" nella gestione informatizzata. Adesso invece i dati comunicati dal Ministero paiono voler sbugiardare le previsioni dell'ufficio tributi. Per il sindaco "l'indignazione è allora totale nei confronti di questo tipo di organizzazione. Credo che nessuno abbia il tempo e la voglia di piangersi addosso, ma è più che mai il momento di prendere posizione, come singoli Comuni e come Sistema, contro uno Stato che mortifica la nostra autonomia finanziaria e la capacità di programmazione".

Il problema, sostiene Allera, è legato proprio alla "mancanza di certezze e di regole chiare" che impedisce agli enti pubblici di programmare l'azione politica e amministrativa. "Ognuno di noi sa che se ha un obiettivo si impegna per perseguirlo. Peccato che questo obiettivo cambia senza soluzione di continuità, dall'oggi al domani".

La conclusione del primo cittadino di Cogne? "Così non si può andare avanti, ripensiamo le regole, a partire da quelle del patto di stabilità regionale che, tra l'altro, per assurdo, include tra le poste peggiorative anche i rimborsi allo Stato, come quello qui illustrato e relativo all'Imu".

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it