Bcc Valdostana, fallisce la trattativa per il piano di risanamento dei conti

Pin It

I sindacati: una cura da cavallo a carico dei soli lavoratori


Bccv

AOSTA. Fallisce il tentativo di accordo tra la Banca di Credito Cooperativa Valdostana, le organizzazioni sindacali e la capogruppo Cassa Centrale Banca sul piano di risanamento che deve riportare entro i parametri i conti della la Bccv attraverso un tagliando del 27% il costo del lavoro. Alcune richieste tese a ridurre i costi si sono scontrate con il "no" delle organizzazioni sindacali mettendo fine a sei mesi di trattativa.

Motivo della rottura è la richiesta di compartecipazione dei lavoratori al raggiungimento dei 31 milioni di euro di risparmi imposti dal piano di risanamento della Bccv e in particolare la previsione di 21 giornate di solidarietà per il personale che si sarebbe tradotto in una riduzione dell'8 per cento delle giornate lavorative. 

"Altre forme di risparmio, quali il ricorso al fondo di sostegno al reddito e giornate di formazione, erano state sostanzialmente accettate", evidenziano i vertici dell'istituto di credito che si dicono rammaricati "nel constatare che a fronte dell'impegno e del senso di responsabilità determinanti per raggiungere l'accordo, le rappresentanze dei lavoratori non abbiano compreso la portata che l'accettazione della proposta avrebbe determinato".

Le segreterie di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil,Sincra Ugl Credito, Uilca dal canto loro paragonano l'intervento di riduzione del costo del lavoro ad una "vera e propria cura da cavallo" totalmente a carico dei lavoratori. La loro richiesta è che il contributo al risanamento che pesa sui lavoratori preveda "sacrifici sostenibili, compatibili ed equilibrati, insieme a tutti gli altri stakeholder (Soci, Governance, Capogruppo)".

Una controproposta avanzata dei sindacati nei mesi scorsi non è stata accolta e non è stato raggiunto un accordo nemmeno durante i diversi incontri organizzati in sede nazionale alla presenza di Federcasse e Cassa Centrale. "I vertici della BCC non hanno modificato la loro posizione e non abbiamo potuto fare altro che chiudere la procedura con esito negativo", evidenziano i rappresentanti dei lavoratori. Adesso il fallimento della trattativa ex art. 22 "oltre a mettere in discussione il piano di risanamento stesso, rischia seriamente di incrinare le relazioni sindacali nell'intero Gruppo proprio in questo delicato momento di definizione del piano strategico", aggiungono.

E mentre la Bccv avvisa i suoi 116 dipendenti e i sindacati che "proseguirà nel percorso di ricerca delle ulteriori iniziative necessarie, anche con la collaborazione della Capogruppo CCB, volte alla prosecuzione del percorso autonomo della Bccv nella nostra regione", le segreterie sindacali annunciano l'intenzione di incontrare con urgenza l'AD di Cassa Centrale Banca e di contrastare "ogni atto unilaterale da parte aziendale tendente a danneggiare i lavoratori ed a compromettere i livelli occupazionali perché metterebbe in discussione tutto l’operato del gruppo, costituendo un gravissimo precedente".

 

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it