Bertschy: serve un patto sociale anche in Valle d'Aosta

Pin It

'Dare una risposta alle esigenze dei genitori che tornano al lavoro'

 

famigliaAOSTA. Dare vita anche in Valle d'Aosta ad un patto sociale: ne ha parlato l'assessore regionale alle politiche del lavoro e all'inclusione sociale Luigi Bertschy in occasione del punto stampa di domenica scorsa sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus.

A proposito dei bonus baby sitter e dell'assenza di altre misure a livello regionale per i genitori che da oggi rientrano al lavoro ma devono anche gestire i figli rimasti a casa per la chiusura delle scuole, l'assessore ha spiegato: "il problema ce lo stiamo ponendo anche perché, è banale dirlo, la vita sociale non può ripartire senza dare una risposta alle esigenze che i genitori avranno una volta tornati al lavoro nell'accudire i propri figli in massima sicurezza".

"Inisieme ai colleghi Baccega, Certan ed a tutto il governo credo dovremo studiare anche in Valle d'Aosta nei prossimi giorni un patto sociale in cui inserire tutte queste esigenze in un quadro legislativo che si sta componendo" a livello nazionale.

"Il sistema degli asili nido e delle cooperativo è importante e aspetta risposte quanto il sistema economico", ha evidenziato ancora l'assessore spiegando che "è allo studio un provvedimento regionale".



M.C.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it