Il Tar di Aosta conferma l'esclusione di Adu dalle elezioni

Respinti i ricorsi sull'autenticazione delle firme dei candidati: il movimento escluso dalle regionali e dalle comunali di Aosta

 

Ambiente Diritti UguaglianzaAOSTA. È confermata l'esclusione delle liste di ADU Valle d'Aosta dalle elezioni regionali e dalle elezioni amministrative di Aosta di settembre. Il Tar di Aosta ha respinto i ricorsi del movimento politico confermando così le decisioni dell'ufficio elettorale regionale e della commissione elettorale circondariale del capoluogo.

Le irregolarità rilevate riguardano l'autenticazione delle firme dei candidati di cui si è occupata la consigliera comunale uscente Carola Carpinello (l'unica candidata la cui autenticazione non è stata contestata). 

I giudici rilevano come "la mera apposizione della propria firma da parte della consigliera comunale non possa in alcun modo essere considerata un’autentica amministrativa".

 Nella sentenza riferita alle regionali, i giudici confermano quindi la "assoluta invalidità dell’autenticazione delle sottoscrizioni dei candidati della lista Adu VdA per accettazione della candidatura". Si legge nella sentenza che "nella fattispecie, difetta in radice proprio l'elemento dell'attestazione della sottoscrizioni dei candidati, non esistente neppure nella sua forma minimale di una c.d. autentica minore o vera di firma, che, come visto, deve considerarsi essenziale ai fini della validità - se non della stessa esistenza - dell’autenticazione".

Il Tar sottolinea anche la "irrilevanza della dichiarazione postuma rilasciata dalla consigliera Carola Carpinello nella quale essa attesta di conoscere personalmente i candidati dichiaranti e che la relativa sottoscrizione sul modulo di accettazione delle candidature è stata dagli stessi apposta in sua presenza, in quanto atto successivo e irrituale, non idoneo a surrogare la carenza riscontrata nella fattispecie".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it