MES, il senatore Lanièce porta a Roma il dossier Valle d'Aosta

Trasporti, politiche per la montagna e idroelettrico tra i temi posti all'attenzione di Conte

 

Giuseppe ConteAOSTA. Idroelettrico, trasporti e politiche della montagna: sono questi gli argomenti principali che la Valle d'Aosta porta all'attenzione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte negli incontri di Roma con il Gruppo per le autonomie al Senato sui futuri interventi del MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità.

Al senatore valdostano Albert Lanièce il compito di consegnare il dossier nelle mani del governo e di sollecitare l'attenzione di Roma verso la realtà valdostana e le sue richieste, a cominciare da quella che viene definita la "questione acque". Il dossier cita il problema dell'acquisizione delle partecipazioni in CVA e la proroga delle concessioni per l'idroelettrico, un tema su cui sta lavorando la Commissione Paritetica.

Un'altra richiesta di proroga di concessioni riguarda la gestione del Tunnel del Gran San Bernardo, che la Regione vorrebbe prolungare fino al 2050 vista la necessità di effettuare interventi di manutenzione e messa in sicurezza della galleria.

Sempre in tema di collegamenti internazionali, il dossier rispolvera il progetto del collegamento ferroviario Aosta - Martigny e chiede un'attenzione particolare al Tunnel del Monte Bianco e l'ipotesi della seconda galleria.

Nel dossier destinato a Conte figurano infine il sostegno alle politiche per la montagna e alcune questioni finanziarie come il sovragettito Imu e la richiesta avanzata nelle settimane scorse sugli 84 milioni di euro che la Valle d'Aosta sta aspettando e che in parte sono inseriti nel Decreto Agosto.

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it