Confini Italia - Francia, ADU: Monte Bianco è dell'umanità

No alle contrapposizioni, sì al confronto tra Stati e comunità locali per tutelare il massiccio

 

Monte BiancoCOURMAYEUR. Il Monte Bianco non è né italiano né francese, ma è dell'umanità: lo afferma Ambiente Diritti Uguaglianza commentando la querelle sui confini tra Italia e Francia dopo l'adozione, da parte delle autorità d'Oltralpe, di provvedimenti di tutela che includono il territorio considerato italiano.

"Il provvedimento promosso dal Segretario di Stato alla biodiversità prevede la regolamentazione delle attività umane nella zona in prossimità del massiccio", evidenzia Adu, con l'obiettivo di "tutelare le attività storiche e coerenti con la Montagna come l'alpinismo, e scoraggiare, invece, una concezione della montagna “usa e getta” o parco dei divertimenti". Secondo il movimento politico la questione va "inquadrata in questo contesto".

"Gli italiani - aggiunge ADU - avrebbero potuto rispondere assumendo gli stessi provvedimenti di tutela, anche per la propria parte di territorio, compresa la parte di ghiacciaio contesa. Non serve, quindi, contrapporre gli Alpini agli Chasseurs des Alpes, ma semmai proseguire nell'ormai decennale lavoro di confronto tra Stati e comunità locali, per giungere a misure efficaci di tutela di un patrimonio che, prima che essere francese o italiano, è dell'intera Umanità".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it