.

Cantieri sulla Statale 26, Marzi: priorità alla sicurezza stradale

In Consiglio regionale discussa una interpellanza firmata Lega VdA sui disagi per la circolazione dovuti ai cantieri Anas tra Aosta e l'alta Valle

 

lavori in corso

AOSTA. I cantieri aperti sulla strada statale 26 tra Aosta e l'alta Valle sono «segno concreto di una rinnovata attenzione» dell'Anas verso la Valle d'Aosta. Lo ha affermato l'assessore alle opere pubbliche rispondendo, nel corso dell'ultima seduta del Consiglio Valle, ad una interpellanza della Lega Vda sui disagi alla circolazione causati dai lavori.

L'apertura in contemporanea di più cantieri, ha spiegato l'assessore Marzi, è dovuta all'emergenza sanitaria. «Ai lavori programmati nel 2021 per 15 milioni di euro si sono sommati ulteriori interventi che dovevano essere cantierizzati nel 2020 e per il Covid non si sono potuti fare. È inevitabile quindi che il numero di cantieri aperti porti a un rallentamento della circolazione: sappiamo bene, nel contempo, che le lavorazioni, necessarie al mantenimento della sicurezza stradale, possono essere svolte nella nostra regione solo nei pochi mesi dell’anno meteorologicamente favorevoli, sia in termini di temperature che di precipitazioni e quest'anno sta piovendo quasi tutti i giorni».

Anas ha pianificato lavori per ripristino di ponti, viadotti, gallerie, manutenzioni, sistemazione delle barriere stradali, rifacimento pavimentazioni e muri, installazione di barriere paramassi. «Al momento - ha aggiunto l'assessore - sono in corso sette interventi, cui si aggiungono i lavori di costruzione del metanodotto di trasporto regionale Pollein - Pila - Valdigne. Nei prossimi mesi saranno attivati altri tre cantieri a Courmayeur, Pré-Saint-Didier e tra Arvier e La Salle, cercando di evitare, per quanto possibile, sovrapposizioni».

Per l'assessore «gli inevitabili e momentanei rallentamenti della circolazione stradale sono necessari alla priorità data al mantenimento della sicurezza stradale a tutela degli utenti della strada.»

Nella replica la consigliera leghista Foudraz ha parlato di intervento «apprezzabile» da parte di Anas, ma ricordato che «questi problemi si verificano da anni. Cambiano i governi ma i problemi restano. Questa interpellanza vuole essere un invito affinché le interlocuzioni avvengano in maniera più ponderata in modo da non dover far affrontare tutti questi disagi alla popolazione. È vero che il periodo per realizzare i lavori è limitato, ma io le chiedo: come fanno nei Paesi del Nord? Le chiedo per il futuro di porre una maggiore attenzione alla programmazione dei lavori».

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it