.

Approvata dal Consiglio Valle una legge su libere professioni ed equo compenso

Il testo presentato dalla Lega Vallée d'Aoste è stato votato all'unanimità

 

Consiglio regionale

Il consiglio regionale della Valle d'Aosta ha approvato una proposta di legge sulla tutela delle libere professioni sull'equo compenso nei confronti della pubblica amministrazione. Il testo, presentato dalla Lega VdA lo scorso marzo, è passato all'unanimità.

«Dopo un percorso complesso e tormentato, dal 2017 una serie di interventi normativi hanno disciplinato l'equo compenso, ma a livello nazionale il tema è più che mai all'ordine del giorno con tre proposte di legge che hanno iniziato il loro iter in Parlamento», ha spiegato Paolo Sammaritani, consigliere leghista incaricato di relazionare sul testo. «Il legislatore regionale può intervenire solo nell'ambito del diritto dei professionisti all'equo compenso nei confronti della pubblica amministrazione. Era tempo che anche la Valle d'Aosta si dotasse di questo strumento normativo per tutelare il lavoro e i lavoratori in tutte le sue espressioni, pubbliche e private, nel rispetto dei principi dettati dalla Costituzione e senza irrazionali pruriti ideologici».

Nel dibattito in aula è intervenuto l'assessore allo Sviluppo economico e Lavoro. «Questa - ha osservato Luigi Bertschy - è una prima tappa di un percorso molto lungo: il mondo delle professioni va preso in carico da parte sia della politica sia dell'amministrazione. Le leggi sono datate e c'è la necessità di elaborare una legge che dia una risposta definitiva al mondo delle professioni: stiamo facendo le prime riflessioni perché oltre all'aspetto legislativo c'è la necessità di creare una struttura dedicata, che oggi non esiste in Regione».

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it