.

On Tripodi: autonomia strumentalizzata per salvaguardare i propri privilegi

La deputata interviene sul Consiglio regionale straordinario e plaude a Minelli ed Erika Guichardaz per il voto contrario alla risoluzione sulle prerogative costituzionali

 

Elisa Tripodi

Anche la deputata valdostana Elisa Tripodi interviene sul Consiglio Valle straordinario di questa mattina sulle prerogative costituzionali e le funzioni dell'assemblea regionale.

«Se è vero che l'autonomia è un patrimonio da meritare quotidianamente - dice la deputata del Movimento 5 stelle -, lo spettacolo a cui hanno assistito oggi i cittadini valdostani, con il consiglio regionale straordinario, dimostra che questa classe politica non merita di rappresentare l'istituzione che più di tutte incarna questo riconoscimento costituzionale, e che, nella loro spregiudicatezza, non si fa problemi a calpestare questo valore e a strumentalizzarlo solamente per salvaguardare i propri privilegi».

Con la risoluzione approvata oggi «non si rivendica la libertà e l'autonomia amministrativa - continua Elisa Tripodi - ma, semmai, si continua a dimostrare come per alcuni la legge e la giustizia vengano sempre in secondo piano, e prima di ogni cosa vi è la difesa esclusiva del proprio Status quo. Uno schiaffo ai cittadini valdostani e anche allo stato di diritto».

La deputata pentastellata esprime «un plauso alle consigliere regionali, Chiara Minelli e Erika Guichardaz, le uniche a votare contro questa risoluzione, figlia di una politica, ipocritamente autonomista, ormai succube degli interessi personali di alcuni consiglieri regionali. Fortunatamente, uno spiraglio di luce in mezzo a queste tenebre ci viene offerto da due donne con il loro voto contrario. Le uniche ad avere a cuore la Valle d'Aosta, i suoi interessi e quelli dei valdostani», conclude l'on. Tripodi.

 


Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it