Sentenza pirogassificatore, Rollandin: stiamo lavorando per il ricorso

 

La Regione per ora non ha un "piano B"

Rollandin-diex300AOSTA. L'Amministrazione regionale procederà per gradi nell'affrontare il "problema" pirogassificatore alla luce della sentenza del Tar che le ha imposto di concludere le procedura dell'appalto da 200 milioni di euro. Al momento, stando alla risposta fornita stamane in conferenza stampa dal presidente della Regione Rollandin, non c'è all'esame alcun "piano B" nel caso in cui il ricorso al Consiglio di Stato che la Regione sta preparando non vada a buon fine, eventualità che obbligherebbe definitivamente a procedere con l'appalto.

«La questione non è stata analizzata ad oggi. Ora stiamo valutando il ricorso» ha detto Rollandin rispondendo alle domande dei giornalisti che chiedevano se, tra le soluzioni tecnicamente possibili, ci fosse la rinuncia all'appalto con conseguente pagamento della penale del 10 per cento.

A proposito invece della sentenza dei giudici amministrativi, Rollandin ha affermato che «le valutazioni tecniche fatte vanno nella direzione di quelle che erano alla base della richiesta del pirogassificatore» relative sull'autosufficienza regionale nella gestione dei rifiuti. «La problematica ha avuto un decorso che ha portato le forze politiche a valutare il responso popolare, il che mi sembra fosse anche corretto» ha continuato il presidente dell'Esecutivo. «Abbiamo fatto una scelta sapendo della necessità di portare fuori Valle una parte residuale del materiale. Ora - ha concluso - stiamo cercando di ridurre al massimo questa parte, ma non è pensabile arrivare a zero».

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it