Crisi, la Regione Valle d'Aosta interviene su 1000 mutui in aiuto alle imprese

 

Ok a disegno di legge per aumentare la liquidità intervenendo su tassi di interesse e durata dell'ammortamento

AOSTA. Gli imprenditori che hanno attivato dei mutui regionali per l'impresa avranno la facoltà di rinegoziare il periodo di ammortamento e di ridurre il tasso di interesse applicato. Le due disposizioni sono contenute in un disegno di legge che il governo valdostano ha licenziato oggi nell'ambito delle misure anticrisi e che interviene sulla legge regionale 6 del 2003.

«E', questa, una misura conclusiva del percorso che ci ha portati a ridurre i tassi di interesse ed è assolutamente importante per tanti settori come commercio, artigianato, impianti di risalita, imprese turistico-ricettive. Parliamo di più di mille mutui» ha spiegato in conferenza stampa a Palazzo regionale l'assessore alle Finanze, Ego Perron.

Il disegno di legge, studiato in modo da non incorrere nelle infrazioni sugli aiuti di Stato, darà la possibilità di chiedere a Finaosta entro il 31 ottobre 2016 sia l'allungamento della durata dell'ammortamento, fino ad un massimo di 20 anni, sia la riduzione del tasso di interesse fino all'1%. Il provvedimento esclude i beneficiari che si trovano in stato di fallimento, liquidazione coatta o concordato preventivo (salvo il caso di concordato con continuità aziendale) o nei cui confronti la società finanziaria regionale non abbia già avviato il procedimento esecutivo di recupero del credito.

«Se tutti gli imprenditori potenzialmente interessati aderissero - ha detto Perron - lo sforzo finanziario sostenuto dalla Regione sarebbe di 5 milioni di euro. E' un intervento ancora una volta molto forte a favore dell'economia e che cerca di assicurare liquidità alle attività economiche. Auspichiamo che i risparmi che ne deriveranno saranno investiti sul territorio».

Il disegno di legge dovrà percorrere tutto il consueto iter prima di arrivare il Consiglio Valle per l'approvazione. «Contiamo di portarlo avanti con la massima celerità» ha anticipato l'assessore alle Finanze.

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it