Consiglio Valle, Cognetta (M5s) si dimette da vice presidente: "i miei ideali non sono in vendita"

 

La decisione presa "per il bene del mio Movimento"

AOSTA. Prima la fiducia incassata da tre meetup, dopo le dimissioni da vice presidente del Consiglio regionale della Valle d'Aosta. Roberto Cognetta, consigliere regionale del Movimento 5 stelle, annuncia il passo indietro esattamente un mese dopo la sua elezione a vice avvenuta con i voti della maggioranza. Una elezione che ha provocato polemiche ed una profonda rottura all'interno del M5s, in particolare con il capogruppo Stefano Ferrero.

"Sicuramente non sono andato contro i principi del mio Movimento, tanto che esponenti di spicco e di integrità politica del nostro Movimento ricoprono cariche istituzionali" si difende Cognetta. "Vengo accusato di essere stato votato dalla maggioranza e per questo di essermi venduto. Rigetto queste accuse infamanti. Da parte mia non c'è stata alcuna strategia - assicura -. I miei ideali e i miei obiettivi non sono in vendita per un posto istituzionale, che niente mi porta a livello economico, ma ho accettato, perché finalmente il Movimento 5 Stelle, accusato spesso di voler solo distruggere e mai costruire, si ritrovava a essere rappresentato in un organo".

La scelta di dimettersi è stata presa "per il bene del mio Movimento" aggiunge Cognetta assicurando che la decisione non è stata presa su pressione del M5s nazionale. "Non ho ricevuto nessuna comunicazione ufficiale dal livello nazionale riguardo a questa Vicepresidenza" sottolinea infatti Cognetta.

Il consigliere regionale aggiunge di "prendere atto della comunicazione che ha inviato il Movimento 5 stelle al Meetup Aosta 5 stelle" e aggiunge che "alla luce di ciò che è accaduto e di ciò che sta accadendo a livello politico in questa regione, non è il momento di litigare tra di noi del M5S, ma è il momento di parlarsi e di trovare una modalità comune di lavorare assieme per rispettare il mandato che ci hanno consegnato i cittadini per combattere i nostri avversari. Spero che anche gli altri appartenenti al M5S valdostano abbiano la volontà di lavorare in gruppo e di discutere sui reali problemi dei cittadini e sulle possibili soluzioni".

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it