Imprese Valle d'Aosta, approvato il ddl sulla rinegoziazione dei mutui regionali

 

"Sì" unanime del Consiglio Valle. Domande entro il 31 ottobre 2016

AOSTA. All'unanimità il Consiglio regionale ha approvato ieri sera il disegno di legge sulle misure urgenti di aiuto alla liquidità delle attività economiche in funzione anti-crisi. Il testo, licenziato dal governo regionale un mese fa, permette alle imprese di chiedere di rinegoziare la durata del periodo di ammortamento e di ridurre il tasso di interesse dei finanziamenti ottenuti in base alle leggi regionali di settore a valere sui fondi a rotazione.

Sono un migliaio i mutui potenzialmente interessati dalla misura e le imprese avranno tempo fino al prossimo 31 ottobre per approfittarne.

«L'obiettivo del disegno di legge - ha detto il relatore, Giuseppe Isabellon (Uv) - è quello di implementare un ulteriore significativo strumento di sostegno a favore delle imprese operanti in tutti i settori del tessuto economico valdostano per consentire loro di avere a disposizione un'ulteriore leva con cui far fronte alla perdurante situazione di crisi economico-finanziaria. La Regione adegua le condizioni dei finanziamenti già concessi anche più di 15 anni fa, operando, in tal modo, una perequazione di tutti i finanziamenti regionali ad una durata di 20 anni con un tasso fisso annuo, laddove possibile, dell'1%. Potranno beneficiarne - ha aggiunto Isabellon - anche le imprese che dal 2009 al 2015 hanno scelto di sospendere il pagamento delle rate dei mutui avvalendosi delle note misure anti-crisi».

Annunciando il voto favorevole di Alpe, Patrizia Morelli ha affermato che «questo disegno di legge è coerente con quanto abbiamo sostenuto negli anni passati per le misure anticrisi. Abbiamo in effetti espresso criticità per la sospensione tout court per tutti i mutui, ritenendo che fosse più corretto salvaguardare in maniera prioritaria le situazioni di reale difficoltà, ma siamo sempre stati favorevoli ad un prolungamento per tutte quelle imprese che si trovano ancora a fronteggiare la crisi.»

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it