Chiusura liceo M. Adelaide, Baccega: "da Alpe informazioni fuorvianti"

 

L'assessore alle Opere pubbliche: scelta corretta e ragionevole, stop a campagna elettorale sulla pelle dei cittadini

AOSTA. Il comunicato di Alpe sulla chiusura del liceo Regina Maria Adelaide di Aosta è «fuorviante. C'è bisogno di chiarezza e bisogna smetterla di fare campagna elettorale sulla pelle dei cittadini». Lo ha dichiarato l'assessore alle Opere pubbliche Mauro Baccega, in occasione della settimanale conferenza stampa dell'esecutivo a Palazzo regionale, replicando alle critiche dei consiglieri regionali del movimento del Galletto al progetto di dismissione dell'edificio scolastico di via Torino.

I rilievi mossi da Alpe riguardavano i costi della ristrutturazione del Maria Adelaide. L'intervento è considerato troppo oneroso dal governo valdostano che ha quindi preferito abbandonare l'attuale sede e trasferire l'istituzione scolastica nella scuola che sarà costruita a Tzamberlet. Baccega ha quindi snocciolato alcuni numeri per chiarire il perché di tale decisione: «nel 2001 la stima dei costi era di 7 milioni per una ristrutturazione basata sui canoni di allora. Nel 2003 sono cambiate le normative antisismiche e nel 2008 e 2009 anche le tecniche di costruzione». Il costo per la ristrutturazione, comprensiva dell'ampliamento necessario per fare spazio a tutti gli studenti, è così lievitato a «17 milioni più Iva e altre spese» con la previsione di 8 anni di lavori.

Per l'assessore alle Opere pubbliche la scelta di dismettere il liceo di via Torino e di riorganizzare le istituzioni scolastiche superiori del capolugo è «ragionevole e fatta correttamente».

La soluzione trovata, quella della nuova scuola, costerà 24 milioni di euro. L'importo in questione, ha evidenziato Baccega, non tiene conto del ribasso d'asta ed inoltre 7 milioni sono coperti con fondi statali. «A fine percorso - ha ancora affermato l'assessore - non avremo più 5 istituzioni scolastiche sparse in 12 sedi, come succede attualmente, bensì 5 istituzioni in 5 sedi».

 

E.G.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it