REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Mutui regionali per la casa, approvate le nuove disposizioni attuative

 

Attivati nuovi mutui; modificati tassi di interesse e requisiti per fare domanda

AOSTA. Con delibera approvata oggi il governo valdostano ha definito le nuove regole per la concessione dei mutui a tasso agevolato previsti dalla legge regionale sulle politiche abitative, la n° 3 del 2013. Si tratta dei mutui prima casa e centri storici, dei contributi per i tetti in lose e dell'anticipo del 50% di detrazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione edilizia, finanziati con un fondo a rotazione che dispone di 26 milioni di Euro.

Le disposizioni modificano alcuni dei requisiti e dei parametri per i mutui prima casa in particolare. L'età massima richiesta è stata aumentata da 65 a 70 anni (la minima rimane 18 anni) e le rate possono essere mensili o semestrali. Il tasso di interesse per le tre fasce di reddito inoltre è stato rivisto al ribasso a partire dal 1° gennaio 2017 anche per i mutui già in essere ed è stata introdotta la possibilità di fare domanda anche per le famiglie in via di costituzione, come può essere il caso di una giovane coppia in procinto di sposarsi. Il nucleo familiare quindi dovrà essere costituito non più all'atto di presentazione dell'istanza bensì al momento di stipulare il contratto di mutuo. E' stato infine eliminato il valore Ise minimo di 12.000 euro per la richiesta di accesso al finanziamento.

Per quanto riguarda l'acquisto o la nuova costruzione della prima casa, il mutuo può raggiungere i 70.000 Euro nel caso di nucleo familiare con un solo componente e i 100.000 Euro per due o più componenti. Per il recupero di immobili gli importi aumentano rispettivamente a 90.000 e 120.000 Euro.

Per i tetti in lose, è stato attivato un mutuo a tasso agevolato della durata di 10 anni e con un tasso di interesse dell'1% che copre il maggiore costo del tetto in lose di pietra anziché in tegole.

Infine è stato approvato un nuovo mutuo per le persone fisiche che, avendo fatto un intervento di ristrutturazione edilizia, beneficiano in dichiarazione dei redditi della detrazione fiscale. In questo caso viene riconosciuto un finanziamento di 10 anni, per un importo minimo di 5.000 Euro e ad un tasso di interesse dell'1%, che anticipa i benefici riconosciuti dallo Stato quale detrazione fiscale.

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it