Come spiegare un gap lavorativo nel proprio cv?

 


Come spiegare un gap lavorativo nel proprio cv?

Non tutti hanno una storia lavorativa perfetta che corrisponde a quelle che sono le loro ambizioni. Con un'economia italiana non proprio positiva nell'ultimo decennio, molti giovani professionisti e non solo si ritrovano con importanti vuoti occupazionali durante il loro percorso lavorativo, o con una serie di lavori a breve termine che spesso non sono correlati ai loro studi o che comunque non dovrebbero essere nel loro curriculum. Altri, invece, si trovano a dover fare i conti con le stesse lacune perché si sono assentati per crescere la famiglia, assistere un parente malato o superare un problema di salute importante che li ha tenuti lontano dal mondo del lavoro.

Potreste sperare che il vostro potenziale datore di lavoro non noti le lacune professionali nel vostro curriculum. Ma è probabile che non sfugga a un responsabile delle assunzioni o a un reclutatore dall'occhio vigile.

Un curriculum che presenta piccole lacune inspiegabili o una sola grande lacuna può far scattare un campanello d'allarme per i datori di lavoro, che spesso non hanno il tempo di trovare ulteriori informazioni se non gliele fornite.

Se una di queste situazioni vi riguarda, continuate a leggere. Di seguito vi illustriamo alcuni modi per arricchire il vostro curriculum professionale e integrare la vostra esperienza di lavoro per migliorare la vostra candidatura.

Qualora si riesca a mettere in relazione l'esperienza acquisita durante il periodo di inattività con la posizione per la quale ci si sta candidando, può essere utile includere informazioni più dettagliate nella voce relativa al periodo di inattività. Potete includere esempi specifici di attività e responsabilità quotidiane che avete svolto durante il vostro periodo di inattività e che sono rilevanti per i compiti o le responsabilità della posizione per cui vi state candidando.

Evidenziare la storia lavorativa non retribuita

Se avete svolto un ruolo di volontariato o un tirocinio non retribuito che vi ha permesso di sviluppare competenze rilevanti o di acquisire esperienza nel settore, allora queste posizioni meritano un posto nel vostro curriculum vitae. Trattate ogni opportunità come se fosse un lavoro retribuito, descrivendo il vostro ruolo ed evidenziando i vostri principali contributi e risultati sul vostro curriculum.

Se siete rimasti a casa per crescere i vostri figli, non trascurate la preziosa esperienza acquisita nella gestione della casa e nella cura della famiglia.

Continuare lo sviluppo professionale e la crescita personale

Se la vostra recente esperienza lavorativa ha poco a che fare con i vostri attuali obiettivi di lavoro, cercate opportunità per rafforzare le competenze che interessano ai vostri datori di lavoro. Se non siete sicuri di quali siano le vostre competenze che necessitano di una spinta in più, cercate nella vostra rete di contatti persone che lavorano nel settore che state cercando e chiedete a loro. È incredibile quanti spunti e consigli sul curriculum si possono ottenere con un pranzo o un caffè. 

Ci sono molte opportunità di formazione gratuite e a basso costo disponibili online e di persona. Inoltre, potete utilizzate siti come CVmaker.it per CVmaker.it per aumenta le possibilità di trovare lavoro creando un curriculum con dei modelli professionali.

Se avete trascorso del tempo in viaggio

Sebbene molti di noi non siano in grado di viaggiare in questo momento, molti datori di lavoro vedono il valore di assentarsi dal lavoro per viaggiare, dice George. Un periodo prolungato trascorso in viaggio può dimostrare indipendenza, crescita personale e ampia consapevolezza culturale.

Se avete trascorso del tempo in viaggio in passato, sottolineate come le vostre esperienze di viaggio - sia positive che negative - vi abbiano dato nuove prospettive e competenze che potete applicare al ruolo offerto.

Cosa dire sulle interruzioni di carriera durante un colloquio di lavoro

Durante il colloquio, probabilmente vi verranno chiesti ulteriori dettagli sul vostro vuoto di carriera. Il responsabile delle assunzioni cercherà maggiori dettagli per capire come avete impiegato il vostro tempo e come è stato produttivo.

Il datore di lavoro vuole sapere anche come avete affrontato le situazioni difficili e cosa dimostra il vostro carattere e la vostra capacità di recupero.

Troppo spesso i vuoti occupazionali sono causati da situazioni che sfuggono al vostro controllo. Recessioni, caos del settore, problemi di salute (propri o altrui): tutto ciò può essere raccontato onestamente e i selezionatori lo capiranno. Molte persone sono state colpite da queste stesse situazioni in passato.

Anche una ricerca di lavoro prolungata può essere spiegata. A pochi di noi è stato insegnato formalmente come cercare lavoro, quindi può essere comprensibile che la vostra ricerca di lavoro sia stata più lunga del solito, soprattutto se siete nuovi nel mondo del lavoro.

Spiegare un'assenza di lavoro a un reclutatore significa, in ultima analisi, convincerlo che l'assenza di lavoro non influisce negativamente sulla vostra capacità di avere successo nel lavoro che stanno cercando.

Al contrario, se avete trascorso il tempo fuori dal mondo del lavoro aggiungendo valore alla vostra candidatura, migliorando le vostre competenze o imparandone di nuove.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it