REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Casinò, bocciata una mozione sulla scelta del nuovo amministratore

 

Proponeva requisiti e limiti al compenso - Perron: "concludere la trattativa sul costo del lavoro dei dipendenti"

AOSTA. Elaborare una nuova procedura trasparente con requisiti minimi per individuare il nuovo amministratore della Casinò de la Vallée, fissarne il compenso a 100mila euro lordi annui garantiti più una parte variabile sulla base di alcuni parametri ed al raggiungimento di determinati obiettivi. Lo prevedeva una mozione discussa e bocciata ieri (18 "no" e 16 "sì") dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta.

La mozione era stata presentata dal M5s ed emendata in Aula. E' «indispensabile ed urgente operare la scelta del nuovo soggetto - ha detto il capogruppo Stefano Ferrero - in base a criteri specifici, alla luce della grave situazione in cui versa la Casa da gioco. Non si tratta di trovare il manager perfetto, bensì di delineare una figura che garantisca al meglio le prospettive del rilancio che tutti auspichiamo».

Nella risposta l'assessore al Bilancio Ego Perron ha affermato che «al di là della persona che sarà scelta, va conclusa una trattativa seria sul costo del lavoro che interessi tutti i dipendenti, per quanto possa risultare impopolare. Per quanto attiene alla mozione, ritengo che il dettagliare così tanto i requisiti limiti eccessivamente i parametri e la possibilità di scelta» del nuovo amministratore. «Nella scelta terremo conto di valutazioni di buon senso, anche all'insegna della sobrietà», ha aggiunto Perron.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it